In offerta!

Orecchini Siciliani con Lapislazzuli

32,00

Raffinati orecchini siciliani con lapislazzuli. Cod OSL1. Hand Made in Sicily by Petra d’amuri.

1 disponibili

Condividi

Descrizione

Orecchini Siciliani con Lapislazzuli

Raffinati orecchini siciliani con lapislazzuli, ematite dorata e cristalli blu. Monachelle in acciaio anallergico.  Peso 8 gr. Lunghezza 65 mm circa. Spediti in un’elegante confezione regalo e accompagnati da certificato di autenticità. Questi orecchini sono pezzo unico. Hand Made in Sicily by Petra d’amuri. Petra d’amuri è un marchio registrato.

Per altri modelli consulta il catalogo.

Il Lapislazzuli è una delle pietre preziose più conosciute e utilizzate per creare monili. Il suo nome deriva dal dal latino lapis, pietra, e lazulum, blu o celeste, che deriva a sua volta dal persiano lazhuward, che significa pietra azzurra. In Egitto e in Mesopotamia le pietre di Lapislazzuli erano usate nei rituali. Insieme all’Agata è una delle pietre preziose più antiche. Le testimonianze giunte fino a noi risalgono al V millennio a.C. Questo pregiato minerale è stato rinvenuto sia nelle tombe faraoniche che in quelle sumere. Anticamente la polvere di questo minerale, macinato finemente, veniva usata per decorazioni di affreschi e oggetti di pregio.

Il famoso blu oltremare,  definito nei trattati di pittura quattrocenteschi il più perfetto dei colori, non è altro che lapislazzuli.  Il colore blu intenso e profondo del lapislazzuli racchiude in sé sfumature viola o dorate che ricordano un cielo stellato, queste caratteristiche rendono questa pietra preziosa molto affascinante e parecchio ricercata. Da sempre collegata alla spiritualità e alla regalità, si ritiene che possa migliorare la creatività e le capacità comunicative. È considerata una pietra molto utile nel mondo della cristalloterapia per le sue proprietà curative e benefiche.

Informazioni aggiuntive

Peso 0,50 kg
Dimensioni 6,5 × 2 × 6,5 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Orecchini Siciliani con Lapislazzuli”